Biografia dell'Operatore Lion

È stato un momento duro, per Olivier. Ha incontrato suo figlio Alexis, che avrebbe voluto abortire, e la realtà della sua decisione l’ha colpito senza pietà. Era stato egoista a voler spingere la sua ragazza a fare qualcosa solo per evitarsi un inconveniente. Inoltre Claire stava per risposarsi e Alexis chiamava “papà” un altro uomo. Tutti gli errori del passato, compreso quello di costringere i suoi cari a patire le pene dell’inferno, lo hanno fatto sprofondare in una depressione che gli è quasi costata il suo rango. Il cappellano Bertrand, però, lo ha sostenuto durante la sua crisi, donandogli un ritrovato conforto nella Chiesa.

Olivier ha giurato di fare tutto il possibile per raddrizzare i suoi torti. Quindi ha iniziato a lavorare duramente, mettendosi alla ricerca di sfide più impegnative. Si è unito al GIGN (Gruppo d’Intervento della Gendarmeria Nazionale) come esperto CBRN, usando i droni per mantenere e difendere i perimetri di quarantena. È concentrato sul suo dovere e sul fare la cosa giusta, anche a costo di farsi del male. La sua ferocia gli è valsa un soprannome, quando protesse una squadra di ricercatori durante un’epidemia di febbre gialla, in Sudan. La sua voce tonante spaventò un’intera folla, e da quel giorno la gente del posto lo chiama “Lion”.